Endobronchial Ultrasound (EBUS) ed Ecografia Toracica

By 1 marzo 2017
Event date: 4/5/2017 - 5/5/2017Categories: ,

Endobronchial Ultrasound (EBUS) ed Ecografia Toracica
Clinical Care Ultrasonography:
integration into Clinical Practice

L’evidenza clinica di questi ultimi anni sta dimostrando l’utilità dell’impiego degli ultrasuoni per lo studio della patologia pleuropolmonare. Tuttavia, differente è l’impiego dell’ecografia per la definizione delle lesioni solide polmonari, o delle raccolte fluide pleuriche, rispetto all’analisi di un polmone che ancora mantiene la sua aerazione.

Per superare l’ostacolo dell’aria, che non consente valutazioni di morfologie, è stato necessario modificare il modo di pensare l’ecografia del polmone, introducendo l’interpretazione di artefatti acustici. Dal punto di vista pratico, se la produzione di artefatti dalla superficie del polmone (denominati Linee B o sindrome interstiziale) esprime uno stato iperdenso del tessuto (edema, fibrosi, emorragia, contusione, flogosi), è evidente che gli ultrasuoni possono studiare molte patologie non consolidative della cortex polmonare. Per queste situazioni il ruolo dell’ecografia transtoracica è determinante e stabilito, anche se in evoluzione.

Nondimeno, esistono situazioni in cui l’approccio transtoracico non è sufficiente. Per ciò che riguarda le lesioni solide, l’acquisizione di immagini degli ili e del mediastino è preclusa all’accesso transparietale. Allo stato attuale molte indicazioni dell’approccio ecografico endoscopico riguardano queste patologie e sono ben conosciute. Se da un lato si diffonde sempre più la pratica dell’ecografia con minisonda radiale per lo studio e la diagnosi di lesioni parenchimali polmonari periferiche, dall’altro sono ancora poco studiate le potenziali acquisizioni ecografiche di alterazioni non consolidative del parenchima polmonare.

Non esistono infatti un lessico o una semeiotica della sindrome interstiziale ecografica (ad esempio il ground glass) diagnosticata per via endoscopica con le frequenze di impiego dell’ecografa endoscopica. Il trasferimento di conoscenze dall’ecografia transparietale a quella endoscopica transbronchiale può accrescere le potenzialità di entrambe ed aprire pertanto nuovi scenari di ricerca.

Questo corso è rivolto a Specialisti Pneumologi, specializzandi in Malattie dell’Apparato Respiratorio che stiano compiendo o abbiano completato il training in Pneumologia Interventistica, fellows e dottorandi con interesse in questo ambito. Il programma si estende dalle indicazioni alla pratica dell’ecografia toracica e dell’ecografia endobronchiale partendo dai principi di base della fisica dell’eco. Il corso offre la possibilità di acquisire i concetti base dell’ecografia toracica ed endobronchiale per i veri beginners, il preciso apprendimento delle indicazioni e delle applicazioni cliniche delle tecniche descritte nonché, grazie anche al completamento di Hands on sessions, un pratico avvicinamento alla metodica.

Si completa con l’acquisizione di concetti fondamentali sulla processazione dei campioni ottenuti attraverso le tecniche di prelievo endoscopiche e la loro valutazione alla microscopia elettronica on-site.

RESPONSABILI SCIENTIFICI

Michela Bezzi, Firenze
Gino Soldati, Lucca

FACULTY

Michela Bezzi, Firenze (Responsabile Scientifico)
Gino Soldati, Lucca (Responsabile Scientifico)
Alessandra Cancellieri, Bologna
Salvatore Lo Cicero, Milano
Gian Pietro Marchetti, Brescia
Alberto Mariani, Lucca
Sofia Romani, Firenze
Gianfranco Sevieri, Viareggio (LU)
Marco Trigiani, Firenze

Provider e Segreteria Organizzativa

INFOMED
P.zza Borgo Pila, 40 – 16129 GENOVA
(+39)0322092291
(+39)3498624357
daniela.gioia@infomed-online.it

SEDE DEL CORSO

AIMS Academy
ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda
Piazza Ospedale Maggiore, 3 · 20162 Milano

programma

informazioni

condividi

condividi